ACCERTATEV DI OGNI COSA. 1Tes. 5:21

GENESI: I DUE RACCONTI DELLA CREAZIONE

 

La Genesi, il primo ed il più antico libro del Vecchio Testamento, presenta la strana caratteristica di contenere due diversi racconti della creazione, contenuti rispettivamente nel primo e nel secondo capitolo del libro.


Questi due racconti derivano da tradizioni orali più antiche dei popoli della regione e gli studiosi definiscono la fonte del racconto del primo capitolo come “Sacerdotale” e quella del secondo capitolo come “Yahvista”.
I due racconti presentano rilevanti differenze.


Soffermiamoci innanzitutto sul nome del Creatore (o dei Creatori ?).


Nel primo racconto è usato il termine “Elohim”, ( che non vuol dire Dio, per cui sarebbe Dio ma al plurale, semmai sarebbe più goiusto tradurre 
Signori  o Dei) nel secondo il termine “YHWH”, che si legge Yahveh.

YHWH è la traduzione nel nostro alfabeto di quattro lettere corrispondenti dell’alfabeto ebraico, ( per l'esattezza è dal tempo di Enoc in poi, che viene invocato il nome di YHWH ).  Né Adamo, Eva, Caino, e Abele conoscevano questo nome.


Elohim (tradotto frettolosamente con la parola Dio nelle moderne edizioni della Bibbia) è infatti un sostantivo plurale: è il plurale di Eloah, da cui poi è derivato l’arabo Allah.

Si noti che in ebraico il suffisso -im è utilizzato per rendere il plurale di un sostantivo, proprio come il suffisso -s per la lingua inglese.


Troviamo subito questo termine plurale nella frase della Genesi “Bereshit barà Elohim et hashamayim ve’et ha’arets”, che andrebbe tradotta “In principio gli Elohim crearono il Cielo e la Terra” e non “In principio Dio creò il cielo e la terra”.


Ma questa pluralità dei “Fabbricatori” di questo Mondo la troviamo ancora più esplicita in due altre famose frasi, nelle quali i traduttori ebraici e cristiani hanno stranamente lasciato il verbo al plurale senza “censurarlo”:
“Facciamo ( plurale ) l’uomo a nostra ( plurale ) immagine, a nostra ( plurale ) somiglianza”.


“Ecco, l’Uomo è diventato come uno di noi ( plurale ), quanto alla conoscenza del Bene e del Male. Guardiamo ( plurale ) che egli non stenda la mano e prenda anche del frutto dell’albero della vita, ne mangi e viva per sempre”.


Un’altra notevole differenza tra i due racconti la troviamo nell’episodio della creazione della donna.


Dice il primo racconto:
“Dio (anche qui Elohim, ndr) creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò; maschio e femmina li creò”.
(Vayivra Elohim et-ha’adam betsalmo betselem. Elohim bar oto zachar unekevah bar otam)


Dice invece il secondo racconto:
“Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole ( il termine costola sarebbe inesatto, il significato originale ebraico sarebbe stato tradotto costola , per comodità di espressione ) e rinchiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo”.

" Questa volta è ossa delle mie ossa e carne della mia carne ...."Genesi 2:23 - 

Un'altra traduzione così riporta:

" Questa è finalmente ossa delle mie ossa e carne della mia carne. "

 

(Evidentemente c'erano stati altri tentativi, diciamo .. non riusciti. )


Nel primo racconto notiamo subito una “parità” tra uomo e donna, mentre nel secondo notiamo una subordinazione della donna rispetto all’uomo.

 
In effetti, secondo la Cabala ebraica, e i racconti mesopotamici, precedenti alla Bibbia, la donna di cui parla il primo racconto sarebbe il misterioso personaggio di Lilith, la prima vera donna, creata insieme all’uomo, a differenza di Eva, dalla terra e non da una costola di Adamo.

Torniamo a ripetere, i racconti ebraici antichi e pima ancora mesopotamici, parlano di Lilith come prima moglie di Adamo.

Nelle Scritture, comunque, è riportato una sola volta il nome  Lilith,  in quasi tutte le Bibbie, ed è in

Isaia: 34 - 14 

Bestie selvatiche si incontreranno con iene, i satiri si chiameranno l'un l'altro; là si poserà anche Lilith e vi troverà tranquilla dimora. 

( Dalla Bibbia di Gerusalemme - La più vicina al significato ebraico originale )


E’ facile intuire perchè poi la Tradizione Ebraica successiva abbia considerato Lilith un Demone.

In realtà questa figura rappresenta una differente figura della donna, un essere con pari dignità dell’uomo, dallo spirito indipendente, ( presa anche a modello dalle femministe ) creata allo stesso modo di Adamo e non clonata come Eva, diversa da tutta la concezione dell’Antico Testamento e dalla concezione dei popoli semitici in generale.

Resasi ribelle, ma non peccatrice come Eva, e come tale condannata.


Nel secondo racconto invece è marcata l’inferiorità della donna e nasce la figura di Eva, che, tra l’altro, si macchierà per prima del peccato originale, quasi per scagionare, almeno in parte, l’uomo.


Un’altra notevole incongruenza tra i due racconti la troviamo nella creazione degli animali.


Nel primo racconto la loro creazione precede quella dell’uomo. La creazione degli animali è descritta dai versetti 20 a 26 del primo capitolo, quella successiva dell’uomo nel versetto 27.


Nel secondo capitolo leggiamo invece nei versetti 18 e 19:
“Poi il Signore Dio disse: Non è bene che l’uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile. Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome”.


Da queste brevi considerazioni si evince che nella Genesi sono chiaramente presenti due antiche tradizioni orali diverse e, nel corso dei secoli, nessuno se la è sentita di eliminarne una …..

 

 

Scrivi un nuovo commento: (Clicca qui)

123homepage.it
Caratteri rimanenti: 160
OK Sta inviando...
Vedi tutti i commenti

Commenti più recenti

01.11 | 12:30

IL GRADO DI CIVILTA' DI UN POPOLO LO SI MISURA , IN PRIMO LUOGO, DAL MODO COME TRATTA DONNE, BAMBINI E ANZIANI.

...
09.11 | 15:17

Mr Daniel'
Be a member of Illuminati as a brotherhood will make you rich and famous in the world and have power to control people in the high place in the worldwide.Are you a business man or woman,artist, political, musician, student, do you want t

...
06.07 | 02:50

lpurtroppo su internet si trova di tutto ed e' per questo che molti non capicono c'e' tutto ed il contrario di tutto e questo fa il loro gioco

...
03.07 | 17:08

No ! Non c'è assolutamente alcuna connessione tra questa poesia ed i Sioux / i Navajo o i Africani.
No! Questa poesia è né di un anonimo nè africana né indian

...
A te piace questa pagina
Ciao!
Prova a creare la tua pagina web come me! E' facile e lo puoi provare gratis
ANNUNCIO